[Il convegno napoletano sulla salute mentale] - Malattia mentale e senso comune.

Renzo Carli, Rosa Maria Paniccia

Abstract


L’assistenza alla malattia mentale si pone, da sempre, al bivio tra mandato sociale e psichiatria come pratica medica. In questa breve presentazione1 del volume La cultura dei servizi di salute mentale in Italia, ci proponiamo di esplorare alcune componenti del mandato sociale che fonda l’intervento di salute mentale.

Il mandato sociale prevede la designazione del malato mentale quale individuo che, con il suo comportamento “diverso”, contribuisce al fallimento dei sistemi sociali conformisti. Il mandato sociale vuole l’isolamento, l’istituzionalizzazione di questa diversità, a tutela del sistema collusivo che regge la relazione sociale fondata sulle emozioni del senso comune. Il sistema sociale che presiede all’affermazione del senso comune, pretende che gli individui “non conformi” vengano assegnati ad una struttura professionale e organizzativa specializzata, volta a garantire, per quanto è possibile, la restitutio ad integrum di chi devia dal senso comune. 




Copyright (c)

Documento senza titolo

 

 

Rivista di Psicologia Clinica. Teoria e metodi dell'intervento

Rivista Telematica a Carattere Scientifico Registrazione presso il Tribunale civile di Roma (n.149/2006 del 17/03/2006)

ISSN 1828-9363