La lingua (è) fascista

Maddalena Carli

Abstract


Questo articolo ripercorre le riflessioni in presa diretta di Victor Klemperer, filologo tedesco di origine ebraica che tra il 1933 e il 1945 annotò sui suoi taccuini quanto andava sentendo e leggendo a Dresda, la città dove gli fu permesso di continuare a vivere, in una “Casa per gli ebrei”, in quanto sposato con una “ariana”. Nella sua analisi, l’autore evidenzia alcune delle caratteristiche della Lingua del Terzo Reich (LTI), nella convinzione che il modo di esprimersi sia in stretta connessione con il pensiero di un’epoca e che la sua influenza perduri oltre le istituzioni che lo creano. Il testo di Klemperer mi sembra un’occasione per interrogare il potere performativo del linguaggio e la sua capacità di resistenza nel tempo.

Keyword


nazismo; linguaggio; fascismo.

Full Text

PDF